Fruit Company
WELCOME

Quanta vitamina d per la perdita di peso: La vitamina D può aiutare a perdere peso?

Essere obesi può causare una carenza di vitamina D, un nutriente che aiuta il corpo ad assorbire il calcio, che è essenziale per le ossa sane, riferisce un nuovo studio. Tuttavia, il rovescio della medaglia non è vero: aumentare i livelli ematici di vitamina D non può aiutare le persone a perdere il peso in eccesso.

Ora si propone che, nonostante questo, la vitamina D può essere benefica con l'assunzione di dieta fino a 4.000 UI all'anno.

Per perdere peso, dovresti fare diverse cose oltre a fornire al tuo corpo abbastanza vitamina D. Per perdere peso, dovresti fare diverse cose oltre a fornire al tuo corpo abbastanza vitamina D. Possiamo ottenere la vitamina D da alimenti come latte e cereali fortificati così come uova, salmone, tonno e sgombro, ma le quantità trovate naturalmente nella maggior parte degli alimenti non sono significative.

Psssst: Dai un'occhiata ai nostri integratori di vitamina D scelti da Greatist, dalle gommose ai softgel, e anche alle opzioni vegane di vitamina D!

È chiaro che c'è un legame tra i livelli di vitamina D e l'aumento o la perdita di peso.

Esiste un'associazione tra il BMI e i livelli sierici di 25-idrossivitamina D?

C'è un'associazione coerente nella letteratura pubblicata tra l'aumento del BMI e le concentrazioni sieriche più basse di 25-idrossivitamina D (25D). I primi studi più piccoli hanno riportato un'associazione tra obesità e basse concentrazioni di 25D nel siero, così come alte concentrazioni di ormone paratiroideo (PTH) e 1,25-diidrossivitamina D (1,25D).

Gli studi suggeriscono che le persone con una maggiore massa corporea e tessuto adiposo hanno livelli di vitamina D più bassi, suggerendo che la vitamina D può avere un ruolo nella regolazione del peso 2.

Quanta vitamina D dovresti davvero prendere?

Questo è un aumento abbastanza considerevole rispetto alle precedenti raccomandazioni di 200 UI al giorno fino a 50 anni, 400 UI per le età da 51 a 70, e 600 UI per le età oltre i 70 anni. Lo IOM ha anche aumentato il limite superiore sicuro di assunzione giornaliera per la maggior parte dei gruppi di età da 2.000 a 4.000 UI.

Oltre ai bassi livelli di vitamina D che derivano dal fallimento della dieta e dell'esercizio fisico, le persone obese sono ad alto rischio di carenza di vitamina D. Inversamente, la ricerca ora suggerisce che consumare fino a 4.000 UI di vitamina D può beneficiare della perdita di peso.

Uno studio recente ha valutato persone che erano in sovrappeso o obese e avevano anche una carenza di vitamina D.

Le persone obese hanno bisogno di più o meno vitamina D? Di conseguenza, gli individui obesi sembrano richiedere più vitamina D di qualcuno con meno grasso corporeo. Questo è probabilmente il caso di tutte le vitamine liposolubili, ma in questo momento non c'è abbastanza scienza per sapere quali quantità di vitamine sono necessarie alle persone con alti livelli di grasso corporeo.

Certamente, prima di prendere un integratore di vitamina D dovresti far controllare il tuo sangue per la carenza di vitamina D e anche consultare il tuo medico.

La vitamina D è una vitamina liposolubile che si può ottenere da cibi ricchi di vitamina D o da integratori.

L'integrazione di vitamina D può aiutare a perdere peso?

Effetto della supplementazione di vitamina D sulla perdita di peso, indici glicemici e profilo lipidico in donne obese e sovrappeso: A Clinical Trial Study Dopo 6 settimane di intervento, le medie di WT, BMI, WC e HC sono diminuite significativamente.

Un integratore di vitamina D da 5000 UI è troppo?

La verità è che abbiamo bisogno di vitamina D per stare in salute, ma 5000 UI (unità) di vitamina D in una compressa giornaliera è più di quanto la maggior parte delle persone abbia bisogno. Il limite massimo giornaliero raccomandato di vitamina D in persone sane è di 4000 UI. Questo include l'assunzione di cibo, bevande e integratori.

L'IMC influenza i livelli di vitamina D?

Gli individui che hanno difficoltà ad assorbire i grassi alimentari potrebbero quindi richiedere un'integrazione di vitamina D [ 62 ]. Gli individui con un indice di massa corporea (BMI) di 30 o più hanno livelli sierici di 25 (OH)D più bassi rispetto agli individui non obesi. L'obesità non influenza la capacità della pelle di sintetizzare la vitamina D.

L'integrazione di vitamina D influenza l'indice di massa corporea e il BMI?

Risultati: Dopo aver usato l'integrazione di vit D per 6 settimane, WT, WC e indice di massa corporea (BMI) sono diminuiti significativamente e la vit D del siero è aumentata significativamente rispetto al gruppo di controllo (P<0.001). Altri fattori tra cui TC, TG, LDL-c, HDL-c, FBS, CRP, ins, IR, e rapporto vita-fianchi (WHR) non sono cambiati significativamente (P> 0.05).

Di quanta vitamina D hanno bisogno le persone obese?

In conclusione, dosi di vitamina D ≥1600-2000 UI/d possono essere necessarie per raggiungere una concentrazione di 25 (OH)D di 30 ng/ml in individui obesi e dopo la chirurgia bariatrica. La concentrazione ottimale in questa popolazione non è nota, e se le dosi di cui sopra proteggono dalla perdita di peso indotta dalla perdita ossea e dalle fratture deve ancora essere confermata.

Inoltre, livelli minimi di vitamina D sono stati correlati a prestazioni di esercizio compromesse, poiché livelli più bassi di vitamina D riducono l'azione muscolare e la mineralizzazione scheletrica.

Alcune prove suggeriscono che ottenere abbastanza vitamina D potrebbe migliorare la perdita di peso e diminuire il grasso corporeo.

Cosa succede ai tuoi livelli di vitamina D nel sangue quando sei obeso?

Dopo aver preso il supplemento, i livelli ematici della vitamina hanno raggiunto il picco in entrambi i gruppi, ma sono scesi più rapidamente nel gruppo obeso. Le loro misure di vitamina D erano significativamente più basse negli obesi anche dopo 24 ore.

Tuttavia, per rispondere alla sua domanda, circa 20ng/ml o 50 nmol/L di livelli di vitamina D è il valore ottimale.

L'obesità aumenta il rischio di carenza di vitamina D?

Studi precedenti hanno dimostrato che l'obesità può aumentare il rischio di carenza di Vit D. Inoltre, altri studi hanno dimostrato che l'insufficienza di Vit D era accompagnata da un maggior rischio di diabete di tipo 2, malattie cardiovascolari, ipertensione e obesità.

Un tipico multivitaminico non fornirà questa quantità di vitamina D, quindi leggi attentamente le etichette. La quantità raccomandata per il supplemento di vitamina D è di quasi 600 UI, che equivale a 15 mcg.

Quindi, se vuoi rafforzare i tuoi muscoli e perdere peso, dovresti mantenere livelli adeguati di vitamina D. Alcuni sostengono che le persone obese tendono a consumare meno cibi ricchi di vitamina D, spiegando così l'associazione.

Nonostante il loro peso elevato, le persone obese tendono anche ad avere maggiori probabilità di diventare carenti di vitamine.

Inoltre, non possiamo dipendere dal cibo per prendere la vitamina D, poiché non ci sono molte fonti alimentari comuni ricche di vitamina D.

Le persone che dovrebbero considerare il test della vitamina D sono quelle con condizioni mediche che influenzano l'assorbimento dei grassi (compresa la chirurgia per la perdita di peso) o le persone che prendono abitualmente farmaci anticonvulsivanti, glucocorticoidi o altri farmaci che interferiscono con l'attività della vitamina D.

Uno sguardo ai principali benefici dell'assunzione di vitamina D per la perdita di peso può aiutarti a prendere una decisione informata sul tuo percorso di fitness.

L'integrazione di 25 (OH) vitamina D è sicura durante la perdita di peso?

Le dosi di vitamina D raccomandate in questa specifica popolazione sono più alte che per gli adulti sani. Abbiamo esaminato gli studi di integrazione di vitamina D nell'obesità e durante la perdita di peso medica o chirurgica, e riportiamo gli effetti sulle concentrazioni di 25-idrossivitamina D [25 (OH)D] e altri risultati rilevanti.

Anche se gli esperti non sanno con certezza cosa sia all'opera, le persone con obesità hanno maggiori probabilità di avere livelli più bassi di vitamina D. Per migliorare l'assorbimento, accoppiate gli integratori di vitamina D con cibi come avocado, semi, noci, uova o latticini pieni.